La Presenza e l’Essere Presente: due latti di una stessa moneta.

Nel processo di diventare adulti ci siamo formati una serie di immagini mentali di noi stessi basate su condizionamenti personali e culturali. Immagini mentali che parlano di quello che ci piace e di quello che non ci piace, di quello che crediamo di essere e non essere, di quello che è giusto e di quello che è sbagliato, di quello che dovrebbe essere e di quello che non dovrebbe essere accaduto, ecc.

Se osserviamo attentamente vedremo che queste immagini sono una serie di definizioni che ci danno una struttura . Da queste immagini  si crea una sensazione di certezza e pertanto un’apparente tranquillità interiore. Infatti Bhagavan ci insegna che uno dei 6 bisogni fondamentali di qualsiasi essere umano è il bisogno di certezza.  

L’insieme di questi immagini o definizioni formano il nostro “io” psicologico, ovvero ci danno la sensazione di avere un’identità personale. Infatti se vedi con cura ogni volta che parli di te a qualsiasi livello, c’è sempre una definizione che emerge per sostenere il tuo “io”. Se potessimo fare l’esercizio di togliere tutte queste immagini o definizioni e vedere cosa rimane vedremmo che rimane “ nulla”. Non rimarrebbe nessun “io”, perché il nostro io è uguale tutte queste immagini create. Ovvero “Io” = definizioni= immagini.

Questo “io” è costruito dall’attività  mentale costante o dal commentario che succede dentro di noi e può essere mantenuto in piedi soltanto quando c’è un flusso di pensiero continuo e costante. Se per qualche motivo questo flusso si ferma  non è possibile trovare nessun “io” dentro.

Per “l’io” il presente non esiste, perché è il frutto del futuro o passato. Solo loro sono importanti per lui. In questa costante attività mentale di divagare tra passato e futuro, “l’io” trova la sua continuità ed esistenza. Questo costante divagare tra passato e futuro ci mantiene occupati, impegnati,  cercando permanentemente un ideale che non c’è nel presente. Così siamo intrappolati in uno stato permanente di voler essere o voler diventare un qualcosa. Esserci qui ed ora, sperimentando quello che c’è non è un’ opzione; semplicemente non accade.

Questa è la grande differenza tra adulti e bambini: il bambino è, invece noi adulti stiamo sempre cercando di essere.

Dato che la mente non è solo pensiero ma include tutte le emozioni è ancora più evidente che la nostra esistenza si manifesta in uno stato di assenza. Non sappiamo vivere qui ed ora le emozioni che nascono spontaneamente perché c’è  un profondo desiderio di controllare quello che accade. Torniamo a quella forza che ci spinge verso l’ideale che non c’è.

Più siamo identificati con tutti questi processi mentali, ovvero, con le immagini o definizioni di noi stessi, con lo spostamento verso quello che non c’è, la proiezione di un ideale, il focus sul passato sotto la forma di rifiuto o lamentela, le conclusioni,  giudizi e difese delle nostre percezioni, meno siamo presenti; pertanto meno siamo consapevoli; meno siamo liberi e meno siamo svegli.  

Il viaggio del Risveglio consiste semplicemente nell’aprire gli occhi, rendersi consapevole o rendersi conto (intensamente) di tutti questi processi. Quando ci si rende conto che non si è presenti, l’essere presenti accade! Per questo Bhagavan ci ha sempre detto: “ il viaggio del Risveglio inizia dove sei e finisce dove sei”, la verità è che non dobbiamo arrivare da nessuna parte”.   

In questo evento straordinario di diventare presenti, si inizia a scoprire e sentire la Presenza. Questa silenziosa e stupefacente Presenza si fa sentire quando stranamente noi non ci siamo. Quando l’io non c’è, quando il “tu” non c’è . L’io e il tu non possono sopravvivere nell’intensità del presente.

C’è una sola domanda che ci può aiutare a questo punto : Cosa sta succedendo dentro di me ADESSO ?…





PS: per un approfondimento vedete il libro “Il potere di Adesso” di Ekhart Tolle. Fantastico!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...