Sull’Accetazione

Un uomo va dal suo maestro confidandogli che non riesce ad amare completamente , si sente molto disperato e gli chiede : come posso sviluppare l’amore nella mia vita?

Il maestro lo guarda e gli chiese : Come sei quando ti arrabbi ? Come sei quando sei geloso ?

E l’uomo si senti colpito da queste domande a suo parere fuori luogo , si fece coraggio e chiese : Perchè mi chiedi della rabbia ? Perchè mi chiedi della gelosia ? Io ti ho chiesto dell’amore !

E il maestro con tutta la sua semplicità gli rispose : Quell’amore di cui tu parli è Unità e non può essere sperimentato finchè ci sono parti di te represse.

Se vuoi permetterti di amare devi permetterti di arrabbiarti e permetterti di essere geloso e permettere ogni sfacciettatura di te stesso.



“Tutto quel che puoi fare è vedere quello che c’è. Innanzitutto non sai quello che  c’è perchè in tutti questi anni non hai fatto altro che scappare via ogni giorno e ora te ne accorgi….

Ora, c’è un modo indiretto di sapere… ma poi in effetti guardare ti fa male, guardare tutti i tuoi pensieri di invidia, gelosia, paura, ansia non è un’esperienza tanto bella e quindi la rifuggi sempre, in continuazione. Questo è il solo problema che ha l’uomo.

Poi, siccome noi ti diciamo fermati, girati, affrontalo, guardalo, allora magari ti dici “va bene, fammi provare”. All’inizio potrebbe essere difficile, ma poi ti rendi conto che, anzi, ti attira, ti tenta, è piacevole vederlo e, mano a mano che vedi il tuo lato più oscuro, più negativo, stranamente, smetti di giudicare, perchè sai che è tutto vero e poi, viene anche la gioia e con quella gioia ben presto vieni a scoprire che c’è una totale assenza di conflitto, il che non significa che il tuo lato negativo sia sparito, o che smetti di essere geloso o invidioso, ansioso o pauroso, no, niente del genere.

Ma, per la prima volta nella tua vita, sei in grado di dire, sì io sono così e non me ne vergogno, questa è la sola verità, sono sincero, onesto.

E questo è il primo passo che fai verso la spiritualità ed è anche l’ultimo passo. Ora poi è tutto automatico. Non c’è bisogno di nessun guru, di nessun insegnamento. E’ tutto automatico.

Tu pensi che ci sia qualcosa che puoi fare per arrivarci e invece non c’è niente che tu possa fare per arrivare lì. Se sei invidioso o geloso, non potrai diventare non geloso o invidioso, Se sei pauroso non diventerai coraggioso come un leone. Se sei un depresso non diventerai pieno di euforia. Non puoi cambiare. Per quanto tu possa provarci non puoi cambiare. E allora qual’è l’insegnamento?

L’insegnamento è: “Tu non puoi cambiare, e non hai nemmeno nessun bisogno di cambiare, perchè sei stato progettato così. E’ questo che tu sei.” Questo è il solo insegnamento.

E allora lo accetti: Aha! Aha! Non posso cambiare e allora che posso fare? Nulla. E non c’è niente di sbagliato, perchè sono stato progettato così. Tu non ti sei fatto da solo, è Dio che ti ha creato, e aveva un qualche scopo per crearti così.

Allora c’è accettazione totale e quando accetti quello che c’è, quella è meditazione, quello è “sadhana”.

Quindi è molto semplice.

Per favore fallo e ti aiuterà. E’ tutto.”

(Bhagavan)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...